Di il 16 Nov 2016 in MICROnews, Punti di vista, Blog, Approfondimenti tecnici | nessun commento

Dimezzare i tempi di consegna: è possibile?

Recentemente ho rilasciato alla rivista specializzata InMotion una intervista più o meno direttamente legata ad alcuni temi di questo blog. Spesso infatti mi è capitato di parlare di tempistiche di consegna, ponendo l’accento sul fatto che il più delle volte sono molto strette, al punto da diventare difficili da gestire. La questione che probabilmente molti addetti ai lavori che si trovano in tale situazione si pongono è questa:

è possibile in qualche modo ridurre se non addirittura dimezzare i tempi di consegna?

Ci si può provare, anche perché proporre ai clienti tempistiche di consegna concorrenziali è fondamentale per mantenere la competitività, e, a questo proposito, vorrei raccontarvi la nostra esperienza.
Ho già parlato di come ci stiamo muovendo sul fronte della lean manufacturing, pertanto oggi vorrei concentrarmi sugli ultimi investimenti finalizzati all’ammodernamento del nostro parco macchine. Oltre all’acquisto del centro di fresatura/tornitura NTX 1000 di DMG Mori (di cui ho parlato qui), infatti, abbiamo potenziato il reparto dentatura con due nuove dentatrici EMAG Koepfer 160 CNC, proprio perché la capacità produttiva della nostra officina era ormai arrivata “al limite”. La prima macchina è da poco stata installata nel nostro stabilimento, mentre la seconda sarà consegnata entro la fine dell’anno.

Con l’acquisto di queste nuove apparecchiature (quindi macchina multitasking e dentatrici) ci siamo posti l’obiettivo di soddisfare le aspettative dei clienti non solo in termini qualitativi, ma anche dimezzando i tempi di consegna, e – più precisamente – passando dai tre/quattro mesi attuali a un paio di mesi.

Macchinari come queste dentatrici richiedono costose dotazioni dedicate a seconda della geometria del pezzo in lavorazione; il fatto di disporre già di tali attrezzature e di poterle utilizzare sulle nuove macchine ha rappresentato per noi un grande vantaggio in termini di economia di esercizio. E questa è una delle principali ragioni per cui abbiamo deciso di rivolgerci ancora una volta a Emag.
A questo si aggiunge il fatto che il settaggio di una macchina di un altro fornitore avrebbe richiesto diverso tempo, mentre le dentatrici Koepfer 160 CNC possono essere operative già al loro ingresso in officina, come dimostrano queste riprese che abbiamo realizzato qualche settimana fa.

Un discorso analogo può essere fatto per i cicli di lavoro, che non devono essere nuovamente impostati e questo è essenziale perché parliamo di uno storico di 300-400 programmi già eseguiti e memorizzati.
Ultimo, ma non meno importante vantaggio è quello legato al personale tecnico specializzato, che – grazie alle esperienze pregresse sulle altre due dentatrici – non necessità più di lunghi periodi di formazione.